IRREDUCIBLE

fernando, botero, colombiano, bicicletta, bike, circo, woman, cirque, autolettiga, donne,

 

L’autista dell’autoambulanza mi venne incontro e il suo viso tradiva una smorfia che non riuscii a identificare. Non lo conoscevo, sono certa che le nostre esistenze non si erano mai sfiorate eppure mi guardava fisso negli occhi sul punto di esplodere. Ed esplose: “ Io gliel’ho detto e ridetto ma quella niente, continuava a urlare con le mani attaccate al manubrio: “Me la me bicicleta an la mol brisa, lu al faga quel cag par ma me an la moll brisa”.

Lei mi capisce, si, me lo dica che mi capisce. Trasportiamo gli sfollati tutto il giorno e abbiamo i minuti contati e quella non voleva salire sull’autolettiga. Avevo un bel da spiegarle che non poteva portarsi dietro la sua bicicletta ma quella insisteva “ Le ho detto che senza la mia bicicletta non vado da nessuna parte, chiami chi vuole, i servizi sociali, la polizia, i carabinieri ma io senza la mia bicicletta non mi muovo”.

Giuro che l’ho anche supplicata, ho fatto appello al suo buon senso, ho cercato di spiegarle che i regolamenti me lo vietavano e che avrei avuto delle grane ma quella è stata implacabile: “O, umarell, ma lu l’è dur ad comprendonio sal? Glielo torno a dire per l’ultima volta: la mia bicicletta è l’unica cosa che mi è rimasta. Ho perso tutto, la casa, i miei ricordi, l’unico paio di mutande che ho lo porto addosso e lei vorrebbe che io lasciassi qui la mia bicicletta?!?!? Ma lu l’è mat! Allora o carica in ambulanza anche la bicicletta o io non mi muovo da qui, sonia stada ciara?”

Ho caricato la vecchia e la sua bicicletta in autolettiga andando contro tutti i regolamenti e le ho portate insieme fino qui in romagna e adesso mi aiuti a tirarle giù che devo andare a prendere degli altri sfollati. Ma voi emiliane siete tutte così?

“Anche peggio. Forza che l’aiuto. io prendo la vecchia ma lei scarica la bicicletta eh?”

 

37 pensieri su “IRREDUCIBLE

  1. Ah il buon vecchio sangue Emiliano,in effetti poveraccia era l’unica cosa che gli rimaneva, chissà quanti km aveva fatto con quella sua bicicletta… io alla fine avrei fatto lo stesso avrei preso lei e la bici fanculo i regolamenti…

    PS. le frasi in emiliano(credo) sono stupende…

  2. Proprio bello ‘sto post e apprezzo la vecchia, la bicicletta è sacra.
    P.S. Un paio di mesi fa ad una mia amica hanno fregato la bicicletta, una bicicletta acquistata 30 anni fa con il primo stipendio, rossa, bellissima nelle sue forme un po’ retrò e molto spartane, (mi ricordava quelle viste dalle tue parti) la bicicletta che usava per andare a lavoro, a spasso, in una città come Roma niente affatto a misura di ciclista…rischi de esse acciaccato tutti i giorni! Eppure era la sua bicicletta …ancora piange!

  3. Dimmi che non è parto della tua splendida fantasia, dimmi che è successo sul serio, il personaggio somiglia troppo a Luisa, la mia amica di Buonacompra, una sera siamo andati a mangiare alla Sgarbata, abbiamo esagerato con i beveraggi e mentre andavamo alla macchina ridendo per niente, Luisa salutava tutti quelli che passavano, quando mi sono accucciata ridendo a crepapelle mi ha chiesto il perchè

    “hai salutato anche Mike e Maurizio”

    Aveva salutato suo marito e mio marito con l’enfasi del cliente soddisfatto del buon cibo.

    Io me la vedo una donna Emiliana che sale sull’ambulanza con la sua bici ;-) )

    Notte buona Noti ;-) )

  4. ciao noti, è bello rileggerti. Leggendo ho sorriso anche se il sorriso era un po’ malinconito, ma tu torna a sorridere, anzi ridi, anche se nel riso si affaccerà qualche lacrima passerà inosservata. Ancora un abbraccio forte e l’augurio che tutto possa tornare come prima. Ciao, ref

Lascia un Commento